Gruppo di ricerca di Idrogeologia (GI)

CNR - Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica

Tag: Irpi

A comprehensive approach to the knowledge of the coastal carbonate aquifers of Adriatic and Ionian Seas

Dal 25 al 29 settembre si svolto a Dubrovnik, il 44th Annual Congress of the International Association of Hydrogeologists (IAH) “Groundwater Heritage and Sustainability”, al quale il Gruppo di Idrogeologia ha partecipato alla sessione  “Management of groundwater resources of coastal aquifers” con un lavoro dal titolo “A comprehensive approach to the knowledge of the coastal carbonate aquifers of Adriatic and Ionian Seas“, presentato con una relazione orale da Maurizio Polemio.

 

Sorgente Ombla (NE of Dubrovnik, Croazia)

 

Download abstract

 

Comitato italiano all’ultima assemblea generale degli idrogeologici di tutto il mondo.

Idrogeologi italiani presenti al convegno.

Groundwater signals from climate and droughts. Do they call for human adaptation?

Lo scorso 14 settembre 2017, si è svolto a Matera il III International Workshop “Methods and technologies for environmental monitoring and modelling: emerging signals, risk perception and management“, che ha visto la partecipazione dell’Ing. Maurizio Polemio Responsabile scientifico del Gruppo di Idrogeologia con una presentazione orale dal titolo “Groundwater signals from climate and droughts. Do they call for human adaptation?“.

E’ possibile scaricare alcune slides più significative che sintetizzano i contenuti dell’intervento.

Presentazione

Programma Convegno

Campagne di misura di portata sorgenti

Tra le numerose attività tecnico-scientifiche del Gruppo di Idrogeologia, proseguono le campagne di misura delle portate delle sorgenti costiere in Puglia. In particolare, in questi giorni sono state effettuate le misure di portata della sorgente Fiume Grande (Fasano, BR) e della sorgente Galese (Taranto), alimentate dal principale acquifero pugliese, poste rispettivamente lungo la costa adriatica e ionica.

Sorgente Fiume Grande – Fasano (BR)

 

Sorgente Galeso (TA)

Termocamera (FLIR A655sc )

Recentemente il Gruppo di Idrogeologia si è dotato di un sistema termografico per drone composto da una Termocamera (FLIR A655sc lente 25°) con elevata risoluzione termica e geometrica, controllo termografico svincolato dal pilotaggio, autonomia in volo fino a 40 minuti, ed un Kit termografico con software di gestione DES per drone.

Il Gruppo in questo può operare sia da posizione fissa a terra che da posizione variabile aerea.

La termografia ad infrarossi è una tecnica diagnostica non distruttiva ampiamente conosciuta e di sperimentata efficacia. L’uso della termografia è limitato solo dall’immaginazione di quelli che la usano. Ovunque esista una superficie termica o una temperatura anomala, la Termografia può essere applicata. Tutti gli oggetti, infatti, emettono energia termica e interagiscono con l’ambiente circostante.
Consuete applicazioni idrogeologiche della tecnologia termografica svolte dal Gruppo riguardano gli studi inerenti gli efflussi sorgivi a mare e della presenza dell’acqua nei corpi di frana attiva. Sempre ricorrenti sono invece le applicazioni inerenti le problematiche di inquinamento e/o di smaltimento dei rifiuti. Per quanto meno coerenti con le finalità del Gruppo, vi sono numerosi casi in cui la tecnologia può dimostrarsi determinante in relazione ai problemi inerenti il costruito.

Poiché nelle applicazioni termografiche, servono competenze specifiche sia per l’esecuzione del rilievo sia per l’interpretazione del dato acquisito, il gruppo di idrogeologia si è dotato di figure professionali esperte, qualificate e certificate come Operatori termografici di II livello UNI EN ISO 9712.

1- Esempio di applicazione termografica

2- Esempio di applicazione termografica

3 – Esempio di applicazione termografica

Puglia, la falda sotto stress

Viaggio nella falda pugliese: meno acqua e sempre più inquinata

 

L’ing. Maurizio Polemio ricercatore presso l’IRPI CNR di Bari nonchè responsabile scientifico del Gruppo di Idrogeologia, ha recentemente rilasciato un’intervistai al quotidiano “Corriere del Mezzogiorno” – del 18 agosto 2017 – inerenti il preoccupante stato delle acque sotterranee pugliesi.

Versione online dell’articolo
Articolo estratto del quotidiano del 18 agosto 2017

 

 

3rd Edition of FLOW PATH, the National Meeting on Hydrogeology

Il Gruppo di Idrogeologia ha partecipato alla terza edizione del Convegno FLOW PATH che si è svolto a Cagliari dal 14 al 16 giugno 2017 presso la Sala Convegni Fondazione di Sardegna in via San Salvatore da Horta n. 2 presentando i seguenti lavori:

  1. De Giorgio G., Chieco M., Zuffianò L.E., Sottani A., Pedron R., Luca Vettorello L., Polemio M., 2017. The effects of low enthalpy geothermal system on groundwater of the Cesine wetland. 3rd National Meeting on Hydrogeology. Cagliari, 14-16 June 2017.
  2. Polemio M., Sapiano M., Santaloia F., Basso A., Dragone V., De Giorgio G., Limoni P.P., Zuffianò L.E., Mangion J., Schembri M., 2017. A Hydrogeological study to support the optimized management of the main sea level aquifer of the Island of Malta. 3rd National Meeting on Hydrogeology. Cagliari, 14 16 June 2017.
  3. De Giorgio G., Zuffiano’ L.E., Polemio M., 2017. The role of the hydrogeological and anthropogenic factors on the environmental equilibrium of the Ugento wetland (Southern Italy). 3rd National Meeting on Hydrogeology. Cagliari, 14-16 June 2017.
  4. De Giorgio G., Zuffiano’ L.E., Basso A., Polemio M., 2017. Geodatabase and knowledge of coastal carbonate aquifer of the Adriatic and Ionian seas. 3rd National Meeting on Hydrogeology. Cagliari, 14 16 June 2017.

 

 

 

Announcement of availability for partner proposal writing for European and international calls

The IRPI’s Hydrogeology Group has been partner of an approved project in the frame of Interreg Europe programme and now is coordinating a proposal in the INTERREG IPA CBC ITALY-ALBANIA-MONTENEGRO.

We would like to consider our participation to on-going and next calls, including INTERREG EUROPE or FP7 calls.

In the activity and projects sections in this website you could read our profile with more information about our previous experiences and expertises.

Please,  don’t hesitate to write us for any further information.

 

Maurizio Polemio

(Group Leader)

I giornata di approfondimento AIGA “Lo studio e la tutela delle acque sotterranee”

img_2394

Il 25 ottobre si è tenuta la giornata di studio e divulgazione scientifica “Lo studio e la tutela delle acque sotterranee”, svoltasi presso il Dipartimento di Scienze della Terra e Geoambientali dell’Università di Bari.

I relatori, docenti, ricercatori, e dirigenti tecnici di primarie istituzioni nazionali, hanno sotteso un interessante e stimolante quadro di conoscenze, che ha spaziato dalle modificazioni climatiche in atto, agli effetti sulle principali risorse idriche sotterranee dell’Italia meridionale e di interesse regionale, con approfondimenti in merito agli aspetti di ottimizzazione dell’utilizzo per il soddisfacimento della domanda potabile e agricola. Ai lavori hanno partecipato con assiduità i circa 130 iscritti (le iscrizioni sono state chiuse in anticipo per esaurimento dei posti disponibili).

La Relazione ad invito della Prof. Kristine Walrevans dell’Università di Gent, premiata durante l’evento per i brillanti risultati conseguiti, ha collocato i lavori in un quadro di conoscenze ampio, offrendo una visione internazionale delle pratiche scientifiche inerenti, in particolare, gli acquiferi costieri e l’intrusione marina.

L’evento è stato fortemente voluto dall’AIGA (Associazione Italiana di Geologia Applicata e Ambientale) che lo ha organizzato con l’IRPI (Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica del Consiglio Nazionale delle Ricerche), con il patrocinio e il supporto organizzativo del Italian Chapter della IAH (Sezione Italiana della Associazione Internazionale degli Idrogeologi), dell’Ordine dei Geologi della Puglia e dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bari.

Download presentazioni

Galleria foto Giornata AIGA

Comunicato stampa – Evento conclusivo progetto Gargano_Lab

Per un Gargano sempre più sicuro
Il report finale del progetto Gargano_Lab

 

Man Gargano lab

Si terrà a Foggia giovedì 24 marzo alle ore 10:30 nella Sala Convegni Energia di Cofagricoltura Foggia (Palazzo Amgas), la presentazione del report finale progetto “Gargano_Lab: sistema informativo integrato per la gestione del territorio, il monitoraggio ambientale e l’allerta di emergenza”.

Comunicato stampa

L’evento è pubblicato e visionabile anche sul sito del CNR

CNR-IRPI 2017 ~ a cura di Vittoria Dragone. Frontier Theme