Gruppo di ricerca di Idrogeologia (GI)

CNR - Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica

Categoria: Documenti (Pubblicazioni, Report)

A hydrogeological study to support the optimized management of the main sea level aquifer of the island of Malta

Maurizio Polemio (a), Manuel Sapiano (b), Francesca Santaloia (a), Alessia Basso (a), Vittoria Dragone (a), Giorgio De Giorgio (a), Pierpaolo Limoni (a), Livia Emanuela Zuffianò (a), Mangion John (b) & Micheael Schembri

(a) Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica – CNR, Bari, Italy.
(b) Energy and Water Agency – EWA, Luqa, Malta.

Schematic geological and hydrogeological map of Malta

The Maltese Islands are located in the central Mediterranean area,
on the Malta-Sicily Platform. The archipelago consists of three main
islands, Malta, Gozo and Comino, and several other small uninhabited
islets. Malta, the largest of the three islands, has an extent of 246 km2.
The aim of this paper is to describe the collaboration between CNRIRPI
and EWA (Energy and Water Agency of Malta) and the efforts to
upgrade the hydrogeological knowledge of the Malta Island, pursuing
the sustainable utilisation of groundwater resources. This will support
the water management activities for optimizing the use of Malta’s
groundwater resources. Firstly, a review of the hydrogeological
environment of the aquifer systems has been undertaken, identifying
so some important data gaps that should be filled up. The eventual
groundwater body management tool to be developed under this
collaborative initiative will enable the formulation and testing of
updated groundwater exploitation strategies. These plans ensure the
protection of the groundwater bodies from regional and localized
sea-water intrusion, whilst taking full consideration of the potential
effects of climate change, including the variability of recharge, sea
level and seawater salinity.

The complete article is avaible on:

Rend. Online Soc. Geol. It., Vol. 47 (2019), pp. 85-89, https://doi.org/10.3301/ROL.2019.16

Groundwater resources at salinisation risk: effects of climate and utilisation changes in the case of Apulian coastal aquifers (Southeastern Italy)

Seawater intrusion is the main cause of groundwater salinisation
in Italy. The largest coastal aquifers, highly vulnerable to
salinisation, are in Apulia. For these aquifers, main changes in terms
of climate change and utilisation are discussed together with piezometric
trends, as the latter are relevant triggering factors for upconing and
lateral seawater intrusion. For this purpose, time series from 1921
to 2016 concerning climate (rainfall and temperature), from 1965 to
2016 concerning groundwater availability (piezometric values), and
recent periodic data on potable utilisation are discussed. Climate and
groundwater availability trends at 2016 are compared with trends previously assessed, using the same dataset (1921-2001 for rainfall and
temperature). The negative characteristic of rainfall 1921-2001 trend
improved in the next years up to disappear in the assessment of rainfall
1921-2016 trend. Notwithstanding the improving of rainfall trend
and the reduction of groundwater utilisation, both observed at 2016,
the improvement of piezometric trends at 2016 is not enough to remove
a prevailing decreasing trend, previously observed. The increases of temperature and effective evapotranspiration should be considered a relevant explanation of groundwater availability reduction. The consequence of these results should be quickly considered in the management of groundwater resources.

The complete article is an open access on the Italian Journal of Groundwater web site:

http://www.acquesotterranee.online/index.php/acque/article/view/374

Casarano, D., Dragone, V., & Polemio, M. (2019). Groundwater resources at salinisation risk: effects of climate and utilisation changes in the case of Apulian coastal aquifers (Southeastern Italy). Acque Sotterranee – Italian Journal of Groundwater, 8(1).

https://doi.org/10.7343/as-2019-374

Risorse idriche sotterranee a rischio di salinizzazione: effetti dei cambiamenti del clima e di utilizzo nel caso degli acquiferi costieri pugliesi (Italia sudorientale)

L’intrusione marina è la causa principale della salinizzazione delle acque sotterranee in Italia, i cui più estesi acquiferi costieri, molto vulnerabili alla salinizzazione, si trovano in Puglia. Per questi acquiferi, visto il legame tra calo della disponibilità e intrusione marina, sia laterale che per risalita, si
discute il trend piezometrico unitamente a quelli delle variabili che principalmente lo determinano, focalizzando su cambiamenti climatici e utilizzo delle acque sotterranee.

E’ disponibile online sul sito della rivista Acque Sotterranee – Italian Journal of Groundwater un nuovo articolo a cura del Gruppo di Idrogeologia del CNR IRPI della sede secondaria di Bari sugli acquiferi costieri pugliesi inerente la situazione delle risorse idriche sotterranee a rischio di salinizzazione e gli effetti del cambiamento climatico. L’articolo è stato pubblicato nel volume speciale della rivista dedicato al progetto scientifico di scambio bilaterale tra Italia e Corea dal titolo “Monitoring and management of coastal aquifers (Korea-Italy bilateral groundwater science exchange)”.

Riferimento bibliografico:

Casarano, D., Dragone, V., & Polemio, M. (2019). Groundwater resources at salinisation risk: effects of climate and utilisation changes in the case of Apulian coastal aquifers (Southeastern Italy). Acque Sotterranee – Italian Journal of Groundwater, 8(1).

L’articolo completo è disponibile al seguente link

https://doi.org/10.7343/as-2019-374

o sul sito della rivista

http://www.acquesotterranee.online/index.php/acque/article/view/374

Partenariato di studio e documentazione a supporto dell’attività legislativa sugli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile e focus sul geoscambio termico

Il Gruppo di Idrogeologia ha sottoscritto in questi giorni una Convenzione Operativa attuativa dell’accordo quadro tra Consiglio Regionale della Puglia e Consiglio Nazionale delle Ricerche (Deliberazione n. 153/2018 dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio Regionale della Puglia) avente come oggetto la seguente Proposta Operativa:

“Strumenti di Studio, documentazione e ricerca a supporto delle politiche regionali verso i “Sustainable Development Goals” e test-focus sulla sostenibilità del geoscambio termico”

 

project-GEOSCAMBIO-evidenza

 

Il tema della geotermia a bassa entalpia è cruciale quale strategia di mitigazione ed adattamento ai cambiamenti climatici.
In tale ottica, si prevede la strutturazione su base territoriale di informazioni conoscitive, ambientali e realizzative, sul tema della geotermia a bassa entalpia nelle sue diverse declinazioni ed un testing di una attività di approfondimento delle attuali conoscenze sul contesto normativo e sugli effetti degli impianti geotermici sul sottosuolo e sulle acque sotterranee.

Maggiori informazioni sono disponibili sul sito del CNR IRPI al seguente link:

http://www.irpi.cnr.it/project/geoscambio/

 

Coastal hydrogeological system of Mar Piccolo (Taranto, Italy)

Siamo lieti di annunciare che per iniziativa di “Springer Nature” la nostra pubblicazione sull’idrogeologia di Taranto e sulle sue principali sorgenti, pubblicata sulla rivista “Environmental Science and Pollution Research” è liberamente accessibile sul web al link:

Scarica articolo completo

 

Il riferimento bibliografico dell’articolo è:

Zuffianò, L. E., Basso, A., Casarano, D., Dragone, V., Limoni, P. P., Romanazzi, A., Santaloia, F., and Polemio, M., 2016, Coastal hydrogeological system of Mar Piccolo (Taranto, Italy): Environmental Science and Pollution Research, v. 23, no. 13, p. 12502-12514.

Sulphuric acid geofluid contribution on thermal carbonate coastal springs (Italy)

Le grotte costiere di Santa Cesarea Terme rappresentano un caso quasi unico al mondo di grotte costiere ipogeniche la cui genesi è legata all’azione dell’acido solforico.
Per comprendere i complessi processi naturali che agiscono sullo sviluppo di queste grotte, è stato realizzato uno studio multidisciplinare, integrando dati acquisiti da rilievi morfologici, geologici strutturali, idrogeologici, idrogeochimici e mineralogici.
Il tutto è stato ora pubblicato sulla prestigiosa rivista Environmental Earth Sciences con il titolo:
Sulphuric acid geofluid contribution on thermal carbonate coastal springs (Italy)
Il nuovo articolo a cura del Gruppo di Idrogeologia è consultabile liberamente al link

https://rdcu.be/2zyN

 

Hypogenic caves, developed by sulphuric acid speleogenesis, are known all over the world among which the Santa Cesarea Terme caves have been included.
This cave system represents an almost unique case of hypogenic sea caves in carbonate environment.
To understand the complex and overlapping natural processes acting on the development of these coastal caves, a multidisciplinary study has been carried out.
This study has integrated all the data resulting from different methods and technologies, merging morphology, structural geology, hydrogeology, hydrogeochemistry and mineralogy.
This multidisciplinary study has allowed to define the main geochemical processes acting within these caves, including the cave development and the formation of the mineral concretions
The article is on line at link
https://rdcu.be/2zyN

 

25th Salt Water Intrusion Meeting – Polonia 2018

Chi sono gli swimmers? Sono i partecipanti agli SWIM (SALT WATER INTRUSION  MEETING), il convegno degli esperti in intrusione marina. Come i salmoni, trascorrono la loro vita tra acque dolci e saline, studiando come utilizzare le prime evitandone la salinizzazione, e periodicamente, ogni due anni dal 1968, “nuotano” da tutto il mondo fino   incontrarsi, per il loro meeting. Quest’anno si svolgerà in Polonia nella città di Gdank dal 17 al 22 giugno.

Link al sito del meeting: http://swim2018.syskonf.pl/

La gestione delle acque depurate per la tutela ambientale del sistema costiero

Il giorno 5 giugno 2018 si è svolto il convegno “La gestione delle acque depurate per la tutela ambientale del sistema costiero”, evento organizzato dalla SIGEA – Società Italiana di Geologia Ambientale e con la  cooperazione dell’Ordine dei geologi della Puglia (Org), dell’Ordine degli ingegneri della provincia di Brindisi, dell’ Ordine dei chimici di Lecce e Brindisi.
Il presidente dell’Org della Puglia, Salvatore Valletta, ha ricordato come l’appuntamento di oggi si svolge nella Giornata mondiale dell’ambiente e l’attenzione all’esperienza avanzata della depurazione delle acque a Fasano, sino all’utilizzo potabile, è il modo migliore per celebrare la giornata…
Raffaele Lopez, presidente SIGEA Puglia, inoltre ha ricordato che i contributi dei lavori odierni possono trovare spazio in un numero tematico digitale allegato al periodico Sigea “Geologia dell’Ambiente”.
Argomenti importanti trattati nei numerosi lavori presentati dai relatori:
– capacità, da parte dei tecnici, di parlare in modo chiaro e comprensibile anche ai non addetti ai lavori;
– multe, in tema di gestione delle acque reflue, da parte della Corte di giustizia europea… argomento questo noto ed estremamente attuale che rischia di ripetersi nel tempo;
– utilizzo delle acque in Puglia che con la LR 27/08 è stata la prima regione ad introdurre l’affinamento delle acque per l’utilizzo in agricoltura e che con i 20 impianti in progetto dovrà vedere la dismissione dell’utilizzo dei pozzi in agricoltura;
– il recupero del materiale quale processo industriale dal quale attivare una vera economia circolare.
I lavori della mattinata, moderati da Dolores Fidelibus (Dicatech – Politecnico di Bari) hanno visto intervenire Anna Maria Curcuruto, Consigliere del Presidente della Giunta regionale e Fabiano Amati, Presidente della Commissione Bilancio della Regione Puglia

 

 

How can the role of leachate on nitrate concentration and groundwater quality be clarified? An approach for landfills in operation (Southern Italy)

E’ stato pubblicato nel volume n. 77 della rivista Waste Management un nuovo articolo a cura del Gruppo di Idrogeologia dal titolo:

 

How can the role of leachate on nitrate concentration and groundwater quality be clarified? An approach for landfills in operation (Southern Italy)

Raffaello Cossu, Livia Emanuela Zuffianò, Pier Paolo Limoni,Giorgio De Giorgio, Paola Pizzardini, Teodoro Miano, Donato Mondelli, Roberto Garavaglia, Carmine Carella, Maurizio Polemio

L’articolo è disponibile al seguente link gratuitamente fino al 15 luglio 2018.

https://doi.org/10.1016/j.wasman.2018.05.014

Testo articolo

 

Groundwater Overview: Making the invisible visible

Globally, invisible groundwater resources are under increasing pressure due to human activities and climate change. Our response to this pressure is often not adequate, also due to limited awareness of the importance of groundwater resources. This Groundwater Overview is prepared to showcase the essentials and the credentials of groundwater, placed within the broad spectrum of UN-Water Member’s and Partner’s activities. It is meant to inform about groundwater-related activities, to enhance knowledge exchange and collaboration, and to raise awareness about our most important hidden resource: groundwater.

Groundwater Overview: Making the invisible visible‘ is a UN-Water Category III publication.

Download book