Gruppo di ricerca di Idrogeologia (GI)

CNR - Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica

Convegno “La gestione delle acque depurate per la tutela ambientale del sistema costiero”. Fasano (BR), 5 giugno 2018

Risultati immagini per lago forcatella fasano

La Sigea Sezione Puglia in collaborazione con gli Ordini professionali ha organizzato in Fasano per il giorno 5 giugno, presso sala Convegni del Laboratorio Urbano, un convegno dal titolo “La gestione delle acque depurate per la tutela ambientale del sistema costiero”.
Per l’evento sono stati invitati esperti regionali e nazionali afferenti al mondo dell’accademia e degli enti pubblici. L’evento organizzato dalla Sigea nel proprio ruolo di associazione di protezione ambientale, a partecipazione gratuita, si propone di approfondire i vari aspetti tecnico-normativi associati alla buona gestione della risorsa idrica. In particolare l’evento tratterà la gestione non facile delle acque depurate per la tutela ambientale del sistema costiero, anche ai fini della salvaguardia dei settori economici e produttivi che dal mare traggono la loro risorsa primaria di sussistenza.

Il Gruppo di Idrogeologia partecipa con la relazione “Le acque sotterranee in Puglia, la ricarica degli acquiferi costiere per contenere l’intrusione salina”.

A breve il programma definitivo.

Groundwater around the world – free download

The book »Groundwater around the world« presents a unique and up-to-date summary of what is known about groundwater on our planet, from a global perspective and in terms of area-specific factual information. Unlike most textbooks on groundwater, it does not deal with theoretical principles, but rather with the overall picture that emerges as a result of countless observations, studies and other activities related to groundwater in all parts of the world. The focus is on showing the role and geographical diversity of groundwater—a natural resource of great importance in daily life, but poorly understood by the general public and even by many water sector professionals. Now available as a free PDF file!

CHANGE MENTALITY “Anthropogenic Global Effects ” Gli obiettivi in AGENDA 2030 ONU per lo Sviluppo Sostenibile del Millennio

Per far comprendere la complessa struttura e le molteplici funzioni dell’UNESCO Agenzia delle Nazioni Unite nonché il contenuto dei Goal dell’AGENDA 2030, il Club per l’UNESCO di Bisceglie, impegnato a sostenere incontri di Formazione finalizzati a stimolare il pensiero critico e indurre il senso di collettività e responsabilità nei confronti del mondo in cui viviamo, organizza in uno con l’Associazione Porta d’Oriente-Libero Sviluppo Mediterraneo di Bari il 2018 EARTH DAY.

L’incontro di in – Formazione in soluzioni che permettano di eliminare gli effetti negativi delle attività dell’uomo, avrà luogo in Bari presso la Sala Congressi dell’Autorità di Sistema Portuale, il giorno 20 aprile, ore 15:30 – 20:00, sul tema: CHANGE MENTALITY.

(altro…)

Selezione per Dottorato di ricerca (PhD) – Università di Ghent (Belgio)

E’ online un bando di concorso  per l’ammissione ad un posto di PhD degree presso  l’Università di Ghent (Belgio) nella tematica “Joint inversion of physical and chemical state variable data within a multimodel subsurface hydrology framework”  presso l’istituzione scientifica “Study Centre of Nuclear Energy, Belgium, SCK-NIRAS”.

_____________________________________________________________

Info e bando di concorso:

http://academy.sckcen.be/en/Your_thesis_internship/AllTopics/Joint-inversion-of-physical-and-chemical-state-variable-data-within-a-multimodel-subsurface-hydrolog

Il termine per compilare la domanda di ammissione è il 13 Aprile 2018.

______________________________________________________________________________

 

The Compatibility of Geothermal Power Plants with Groundwater Dependent Ecosystems: The Case of the Cesine Wetland (Southern Italy)

E’ stato pubblicato sulla rivista Sustainability un nuovo articolo “The Compatibility of Geothermal Power Plants with Groundwater Dependent Ecosystems: The Case of the Cesine Wetland (Southern Italy)” a cura del Gruppo di Idrogeologia del CNR IRPI di Bari.

L’articolo completo è reperibile in questo sito nella sezione Pubblicazioni o seguento il link:

http://dx.doi.org/10.3390/su10020303

 

Giorgio De Giorgio, Michele Chieco, Livia Emanuela Zuffianò, Pier Paolo Limoni, Andrea Sottani, Roberto Pedron, Luca Vettorello, Luisa Stellato, Brunella Di Rienzo and Maurizio Polemio – 2008 “he Compatibility of Geothermal Power Plants with Groundwater Dependent Ecosystems: The Case of the Cesine Wetland (Southern Italy)” Sustainability 2018, 10, 303;

Frana di Petacciato simbolo del dissesto idrogeologico

Lunedì 11 dicembre a Petacciato Marina, a partire dalle ore 16,00 si svolgerà il convegno dal titolo “Dissesto idrogeologico del Molise”. Focus il fenomeno della frana di Petacciato promosso dall’on. Laura Venittelli con il patrocinio di Italia Sicura (Struttura di missione contro il dissesto idrogeologico e per lo svuluppo delle infrastrutture idriche della Presidenza del Consiglio dei Ministri). Relazionerà in detto evento nazionale la dott.ssa Francesca Santaloia ricercatrice e geologa del CNR IRPI Sede Secondaria di Bari nonchè menbro del Gruppo di Idrogeologia.

Congress: Impacts of Global Change on Western Mediterranean Aquifers, Granda (Spagna)

Major drivers of global change include population growth and migration, climate change, urbanization and expansion of infrastructures, and changes in land use and pollution. Western Mediterranean countries of both southern Europe and North Africa are expected to experience impacts on the sustainability, quantity, quality, and management of water resources.

Future scenarios in this region forecast the decline in streamflow reducing reservoir storage for population supply. In this context, groundwater becomes an increasingly strategic resource to meet water demand from irrigated and urban areas. Particularly, coastal areas are threatened by the increasing stress during summer and drought periods causing groundwater depletion and saline water intrusion.

These are the main topics and purposes treated during the congress held from 6th to 9th november 2017, Granada (Spain) at the Escuela Técnica Superior de Ingeniería de Caminos, Canales y Puertos de la Universidad de Granada.

The Hydrogeology group’s Scientific Person in Charge Dr. Maurizio Polemio partecipated as a member of the Scientific Commitee, chairman of the session 3 “Groundwater and climate change” and scientific rapporteur.

GWM Congress program

Congress proceedings

Congresso: Impacts of Global Change on Western Mediterranean Aquifers, Granda (Spagna)

I principali motori del cambiamento globale includono la crescita della popolazione e la migrazione, i cambiamenti climatici, l’urbanizzazione e l’espansione delle infrastrutture e i cambiamenti nell’uso del suolo e dell’inquinamento. Si prevede che i paesi del  Mediterraneo occidentale sia dell’Europa meridionale che del Nord Africa abbiano un impatto sulla sostenibilità e  gestione delle risorse idriche.

Gli scenari futuri in questa regione prevedono il calo dei  deflussi che riduce lo stoccaggio di riserve per l’approvvigionamento idrico per la popolazione.  In questo contesto, le acque sotterranee diventano una risorsa sempre più strategica per soddisfare la domanda di acqua da aree irrigue e urbane. In particolare, le zone costiere sono minacciate dallo stress crescente durante i periodi estivi e di siccità che causano l’esaurimento delle falde acquifere e l’intrusione di acqua salata.

Questi i principali argomenti e obiettivi affrontati durante il Congresso che si è tenuto a Granada (Spagna) dal 6 al 9 novembre 2017 presso  la Escuela Técnica Superior de Ingeniería de Caminos, Canales y Puertos de la Universidad de Granada.

Il Responsabile scientifico del Gruppo di Idrogeologia dell’IRPI di Bari Dott. Maurizio Polemio ha partecipato ai lavori del congresso in qualità di Componente del Comitato Scientifico e Chairman della Sessione 3 “Groundwater and climate change” oltre che relatore.

Siccità, alluvioni e conseguenze dei cambiamenti climatici: il 17 novembre il convegno dei geologi a Catanzaro

Il prossimo 17 novembre 2017, si terrà il convegno nazionale “Acqua: analisi e gestione della risorsa tra siccità e alluvioni” organizzato dal Consiglio Nazionale dei Geologi in collaborazione con la Regione Calabria e con l’Ordine dei Geologi della Regione Calabria,  presso la Sala Verde della Cittadella Regionale (Viale Europa) a Catanzaro (località Germaneto) dalle ore 9.00 alle 17.30.

Il tema centrale del convegno sarà l’acqua e le due emergenze antitetiche ad essa correlate, provocate dal climate change: da un lato la fase di grave siccità che abbiamo attraversato con l’ottobre più asciutto da fine ‘800 che ha causato gravi ripercussioni sulla produzione agricola; dall’altro le intense precipitazioni e l’aumento delle temperature, spesso al di sopra della media su vaste aree dell’Italia. A queste problematiche, gli esperti del settore insieme a personalità istituzionali cercheranno di fornire risposte concrete auspicando una corretta mitigazione del rischio, razionale e pianificata. In primis, saranno analizzati gli aspetti tecnico-scientifici e normativi sull’analisi e sulla gestione della risorsa idrica alla luce dei sempre più ricorrenti eventi estremi che aumentano il rischio di dissesto idrogeologico nel nostro Paese.
Nell’ambito della sessione “Aspetti gestioneli ed innovativi“, Maurizio Polemio interverrà con un contributo dal titolo “Risorsa idrica sotteranea,  cambiamento climatico, depauperamento, vulnerabilità, utilizzo razionale“.

Visita della professoressa Leana Esterhuizen, CUT Free State – South Africa

Ing. Maurizio Polemio, prof. Leana Esterhuizen

 

Lo scorso 25 ottobre 2017, il Gruppo di Idrogeologia, ha ospitato presso la sede dell’IRPI di Bari la prof. Leana Esterhuizen della Central University of Technology Bloemfontein, Free State, South Africa –  Department of Life Sciences (http://www.cut.ac.za )  interessata principalmente alle tematiche e attività inerenti le acque sotterranee oggetto di ricerca del gruppo.

A nome del Responsabile scientifico Maurizio Polemio e dell’intero staff cogliamo l’occasione di ringraziarla per l’interesse mostrato alle nostre ricerche e ci auguriamo di incontrarla nuovamente per una proficua collaborazione.